mercoledì 20 gennaio 2010

SALAME DEL PAPA

Ci sono dolci che mi riportano a quand'ero bambina, dolci semplici da preparare e per questo diventavano  i miei primi esperimenti culinari, sotto l'occhio vigile e orgoglioso di mia madre.
Il dolce che vi propongo mi ha sempre incuriosito soprattutto per l'origine del nome e per i sorrisi che l'allusione inevitabilmente riportava; alcuni sicuramente riconosceranno questo dolce con il nonìme di Diplomatico di cioccolato, Salame al cioccolato. Diverse sono anche le varianti con nocciole, mandorle e uvetta, io vi riporto la ricetta semplice, voi riportate la variante che vi piace.

200 gr. burro
50 gr. zucchero
50 gr. cacao amaro
2 uova
un bicchierino di maraschino o cognac
200 gr. biscotti secchi
 Lavorare bene lo zucchero con il burro a temperatura ambiente, aggiungere il cacao e i 2 tuorli d’uova. Successivamente aggiungere lentamente le chiare montate a neve, il maraschino e unire i biscotti secchi frantumati minutamente. Lasciare riposare qualche minuto e poi versare in uno stampo ben unto e mettete in frigo oppure potete dargli la forma di un salame in un  foglio di carta stagnola o carta forno.
Mettere in freezer per alcune ore prima di servire affettato come salame.
 


2 commenti:

anna the nice ha detto...

cara terry, un giorno a ROMA (!?!?!?) chiesi ad un cameriere di un bar di fronte al teatro di Marcello, un piattino di fette di salame del papa, e lui, ammiccante e malizioso, avvicinandosi mi chiese 'de quello di ora o de quello de prima?.
Sprofondai, consapevole della mia ignoranza e della figuraccia appena fatta.... pensavo che fosse un nome universale.....NOCI CAPUT MUNDI!!!

schiavo.net ha detto...

ma tu proprio a Roma chiedi il salame del papa?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails